Fratelli d’Italia, il partito di estrema destra al culmine del potere

Emesso il:

L’unico partito all’opposizione durante il governo di unità nazionale del tecnocrate Mario Draghi, il post-fascista Fratelli d’Italia, sembra destinato a fare bene alle elezioni italiane del 25 settembre, rendendo la leader del partito Giorgia Meloni la favorita per diventare il prossimo primo ministro italiano.

Ampiamente favorito per diventare ItaliaPrimo ministro donna, Meloni usa ripetutamente il suo slogan distintivo ai raduni: “Sono una donna, sono una madre, sono italiana, sono cristiana e non me lo toglierai”.

Nata nel quartiere operaio della Garbatella a Roma da madre siciliana e padre sardo – un mondo lontano dalle élite cittadine – la leader di Fratelli d’Italia sta ora raccogliendo i frutti delle scommesse per fare del suo partito l’unica forza di opposizione a Draghi dopo aver formato la sua grande coalizione nel febbraio 2021.

Brothers of Italy è in testa tra i partiti politici italiani con il 23% dopo una lenta ma costante ascesa, secondo L’aggregato elettorale di Politico.

“Per un anno e mezzo, qualunque sia il malcontento che gli italiani hanno avuto, ha avuto un solo sfogo: Brothers of Italy”, ha affermato Marc Lazar, specialista in Italia all’Università Sciences Po di Parigi. “Ecco perché ha fatto grandi progressi alle elezioni locali e ora è uno dei principali partiti del Paese, come mostrano i sondaggi”.

I Fratelli d’Italia al momento superano di un solo punto il Pd di centrosinistra. Ma collettivamente, l’estrema destra e la destra hanno molto più peso dell’altra parte dello spettro politico: la Lega nazionalista-populista dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini è a terzo posto nei sondaggi, al 15 per cento. Fratelli d’Italia ha un’alleanza con la Lega e Forza Italia dell’ex premier Silvio Berlusconi, in quarto posto all’8 per cento dietro il populista Movimento Cinque Stelle.

Storia postfascista

Il partito di Meloni nasce nel 2012 come successore di Alleanza Nazionale, nata dalle ceneri del Movimento Sociale Italiano del 1946-1995 formato da esponenti del Partito Nazionale Fascista del dittatore Benito Mussolini. Meloni nega ogni legame con le idee di Mussolini ma è attento a non condannare il suo governo.

“La Meloni è stata un’attivista nella politica postfascista sin dalla sua giovinezza”, ha detto Piero Ignazi, professore emerito all’Università di Bologna ed esperto di Fratelli d’Italia. “L’identità del partito è, per la maggior parte, legata alle tradizioni postfasciste. Ma la sua piattaforma mescola questa tradizione con alcune idee conservatrici tradizionali ed elementi neoliberali come la libera impresa”.

Ma Fratelli d’Italia ha alcuni membri che hanno nostalgia del governo del Duce, e il suo Secolo d’Italia ha rilasciato dichiarazioni ambigue su questo capitolo della storia del Paese.

Tuttavia, Meloni ha preso le distanze dal leader che è diventato il burattino di Adolf Hitler.

Presentandosi come garante della famiglia e dell’identità nazionale italiana, Brothers of Italy sostiene politiche pro-nataliste per far fronte alla bassa natalità del Paese, proponendo la creazione di asili nido gratuiti e l’introduzione di un assegno familiare di 400 euro al mese .

Meloni si è anche opposta alle unioni civili gay e vuole chiudere i porti italiani ai migranti che arrivano dalla Libia.

È vicina al primo ministro nazionalista ungherese Viktor Orban, al Rally nazionale di estrema destra francese e allo spagnolo Vox. Meloni ha anche legami con l’estrema destra statunitense, avendo partecipato alla Conservative Political Action Conference del 2022 e alla National Prayer Breakfast insieme all’ex presidente Donald Trump.

‘Macchina elettorale’

Ma Meloni ha anche ammorbidito la sua posizione su alcune questioni, impegnandosi a salvaguardare l’accesso all’aborto in Italia, un capovolgimento delle sue precedenti posizioni. Meloni ha anche mostrato un fermo sostegno all’Ucraina e all’alleanza atlantica dall’invasione russa del 24 febbraio, creando un contrasto con le posizioni più equivoche sia di Salvini che di Berlusconi, entrambi i quali hanno legami con il presidente russo Vladimir Putin.

Brothers of Italy ha anche notevolmente attenuato la sua posizione anti-UE; il partito non è favorevole all’uscita dal blocco e nemmeno dall’Eurozona, dicendo che preferisce un'”Europa delle nazioni”.

Meloni potrebbe trovare più facile sostenere questa posizione ora che l’Italia sta beneficiando di quasi 200 miliardi di euro in fondi UE per la ripresa del Covid.

“Meloni sta facendo il posto del suo programma coerente e della sua sostanziale etica del lavoro”, ha detto Lazar. “Meloni è l’unica donna in un ambiente molto maschile; ha organizzato a maggio un convegno interpartitico circondandosi di intellettuali e politici di destra ma non necessariamente di estrema destra. Questo aiuta a presentarla come una candidata adatta a primo ministro”.

Meloni è stata in politica per un po’, essendo diventata deputata all’età di 29 anni nel 2006. Due anni dopo, è entrata nel governo Berlusconi come ministro della Gioventù.

Basandosi sul suo comportamento serio, sul background della classe operaia e sulla sua presenza come donna nell’ambiente in gran parte maschile della politica italiana, Meloni ha ampliato l’appello dei Fratelli d’Italia oltre le sue tradizionali zone rurali, nel cuore del sud, ottenendo diverse vittorie elettorali locali nel nord Italia , che è dominato dalla Lega, e segna in modo impressionante a Palermo, la città più grande della Sicilia e un bastione di lunga data della sinistra.

Ma mentre la strategia di Meloni ora sta dando i suoi frutti, il suo partito potrebbe essere rovinato dalla vittoria se vincesse le elezioni politiche, viste le divisioni tra l’estrema destra e la destra, nonché la storia di animosità personale tra lei e Salvini.

Questo articolo è stato tradotto dal originale in francese.

Source link

Gruppo Successo

Learn More →