L’OMS chiede un’azione “urgente” in Europa contro il vaiolo delle scimmie

L'OMS chiede un'azione urgente in Europa contro il vaiolo delle scimmie.  Foto: le notizie/file
L’OMS chiede un’azione “urgente” in Europa contro il vaiolo delle scimmie. Foto: le notizie/file

COPENHAGEN: L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto venerdì un’azione “urgente” per prevenire la diffusione del vaiolo delle scimmie in Europa, osservando che i casi nella regione sono triplicati nelle ultime due settimane.

“Oggi, sto intensificando il mio appello ai governi e alla società civile per intensificare gli sforzi… per impedire che il vaiolo delle scimmie si stabilisca in un’area geografica in crescita”, ha affermato il direttore regionale dell’OMS per l’Europa Hans Henri Kluge.

“Un’azione urgente e coordinata è imperativa se vogliamo girare un angolo nella corsa per invertire la diffusione in corso di questa malattia”.

Dall’inizio di maggio, è stato rilevato un aumento dei casi di vaiolo delle scimmie al di fuori dei paesi dell’Africa occidentale e centrale dove la malattia virale è endemica.

Il 90% di tutti i casi confermati in laboratorio registrati nel mondo – o 4.500 infezioni – si trovano in Europa, ha affermato Kluge.

Trentuno paesi e aree hanno ora segnalato infezioni.

Kluge ha affermato che l’Europa rimane al centro dell’epidemia in espansione e il rischio rimane alto.

L’OMS non ritiene che l’epidemia attualmente costituisca un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale, ma rivedrà la sua posizione a breve, ha affermato.

La maggior parte delle infezioni da vaiolo delle scimmie finora è stata osservata negli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, in giovane età e principalmente nelle aree urbane, secondo l’OMS.

Sta studiando casi di possibile trasmissione sessuale, ma sostiene che la malattia si diffonde principalmente attraverso uno stretto contatto.

Il vaiolo delle scimmie è correlato al vaiolo, che ha ucciso milioni di persone in tutto il mondo ogni anno prima di essere eradicato nel 1980, ma ha sintomi molto meno gravi.

La malattia inizia con la febbre e si sviluppa rapidamente in un’eruzione cutanea, con la formazione di croste. Di solito è lieve e in genere si risolve spontaneamente dopo due o tre settimane.

La Gran Bretagna ha il maggior numero di casi segnalati fino ad oggi – 1.076 secondo le autorità britanniche – davanti a Germania (838), Spagna (736), Portogallo (365) e Francia (350), secondo i dati del Centro europeo per Prevenzione e controllo delle malattie.

Giovedì il capo medico di salute pubblica di Londra Kevin Fenton ha esortato chiunque abbia sintomi a non prendere parte alla marcia del Pride nella capitale britannica durante il fine settimana.

Venerdì, il laboratorio danese Bavarian Nordic, l’unico laboratorio che produce un vaccino autorizzato contro il vaiolo delle scimmie, ha annunciato una nuova spedizione di 2,5 milioni di dosi negli Stati Uniti.

Le autorità sanitarie statunitensi hanno dichiarato martedì che avrebbero immediatamente rilasciato 56.000 dosi di vaccino contro il vaiolo delle scimmie – cinque volte il numero distribuito finora – in aree ad alta trasmissione come parte di una grande escalation della strategia di immunizzazione del paese.

L’Agenzia europea per i medicinali ha annunciato martedì di aver iniziato la revisione di un vaccino contro il vaiolo per estenderne l’uso contro il vaiolo delle scimmie.

Source link

Gruppo Successo

Learn More →