Come Giorgia Meloni si è impadronita della destra italiana – e poi del Paese

Giorgia Meloni, i cui Fratelli d’Italia di estrema destra hanno trionfato alle elezioni generali di domenica, è riuscita a incanalare sia le aspirazioni degli elettori conservatori che il risentimento del governo non eletto di Mario Draghi, senza rinunciare completamente alle radici neofasciste del suo partito.

Mentre si è fermato a chiacchierare con i tifosi dopo aver votato domenica, il quattro volte premier italiano Silvio Berlusconi impegnato nella sua consueta spavalderia, descrivendosi come l’unico leader politico italiano che abbia mai lavorato per vivere.

Quando gli è stato chiesto se si sentiva MeloniLa stupefacente ascesa destava preoccupazione, rispose, con la faccia terribilmente seria: “Sì, fa un po’ paura”.

L’interpretazione di Berlusconi del suo goffo partner di coalizione riflette i molti paradossi di un’elezione in cui l’Italia è quasi inciampata per caso, dopo la prematura caduta del suo più rispettato primo ministro degli ultimi decenni, Mario Draghi.

I risultati di Il voto di domenica sono destinati a inaugurare un cambiamento epocale per l’Italia, portando al potere il suo primo primo ministro donna, e allo stesso tempo cedendo il controllo alla coalizione più arretrata dalla seconda guerra mondiale: un’alleanza barocca di populisti, euroscettici e nazionalisti di estrema destra imbevuti di un’ideologia revanscista.

I Fratelli d’Italia di Meloni sono emersi come il fulcro di questa alleanza, ottenendo un quarto dei voti e superando facilmente il conteggio combinato dei suoi due alleati, Matteo SalviniLa Lega anti-immigrati e Forza Italia di Berlusconi, entrambe bloccate sotto il 9 per cento.

Tra di loro, i tre partiti sono sulla buona strada per ottenere la maggioranza in entrambe le camere del parlamento, grazie a una legge elettorale che tutti i partiti hanno ritenuto una “falsa” e tuttavia si è rivelata incapace di cambiare.


“Gli italiani ci hanno scelto”, ha detto una trionfante Meloni ai sostenitori dopo il voto, sorvolando sul fatto che la sua coalizione vincente è stata significativamente inferiore al 50 percento, tra un’astensione record. Berlusconi, nel frattempo, ha promesso di servire come “trequartista” della coalizione, tornando al Senato italiano un decennio dopo essere stato espulso dal parlamento e bandito da cariche pubbliche per frode fiscale.

Un vuoto a destra

Il declino dell’ex premier ottantenne – che tre decenni fa sconvolse la politica italiana, inaugurando l’era del populismo – è all’origine dell’impennata di Meloni al culmine del potere.

Il governo assolutista di Berlusconi sul suo partito non ha mai permesso l’emergere di un successore, nemmeno quando ha eseguito la sua condanna al servizio comunitario in un ospizio per anziani. La sua costante scomparsa ha lasciato un vuoto sulla destra, in cui Meloni è entrato con successo.

“Il declino di Berlusconi ha aperto uno spazio enorme tra gli elettori di centrodestra, che tradizionalmente rappresentano una fascia decisiva dell’elettorato”, ha affermato Maurizio Cotta, professore di scienze politiche all’Università di Siena. “Salvini ha occupato per un po’ parte di quello spazio, ora tocca alla Meloni”.

Il leader di estrema destra ha beneficiato della debolezza e degli errori dei suoi alleati di destra, rubando il sostegno all’ex popolare Salvini, la cui posizione è crollata da quando una presa di potere fallita nel 2019.

Sorprendentemente, lo ha fatto senza una sua politica di punta, adottando la retorica anti-immigrati del leader della Lega e il mantra di taglio delle tasse di Berlusconi, mentre prometteva disciplina fiscale in un cenno ai leader aziendali allarmati dalla cacciata di Draghi. Con le famiglie e le imprese italiane alle prese con bollette energetiche incredibilmente alte con l’avvicinarsi dell’inverno, si è opposta in particolare alla spinta di Salvini per aumentare il già enorme carico di debiti dell’Italia per pagare gli aiuti energetici.

“Si è presentata come una politica più saggia e credibile di Salvini, offrendo un’opposizione responsabile e mantenendo rapporti cordiali con Draghi”, ha affermato Cotta.

>> ‘Madre, italiana, cristiana’: Giorgia Meloni, leader italiano di estrema destra all’apice del potere

“Meloni ha effettivamente cannibalizzato i suoi alleati di destra”, aggiunto Massimo Giannini, caporedattore de La Stampa, osservando che il leader di estrema destra è riuscito a incanalare sia le speranze degli elettori di destra sia il risentimento di chi è ostile al governo uscente.

In un paese abituato a punire gli incumbent, Meloni godeva di un vantaggio decisivo su tutti gli altri partiti. La sua decisione di evitare la coalizione di unità nazionale di Draghi l’ha resa di fatto l’unica forza di opposizione, e quindi una naturale destinataria del voto di protesta dell’Italia.

Questo le ha permesso di “capitalizzare il risentimento di una fetta della popolazione verso il governo di Draghi, un’amministrazione capace ed efficiente che si è rivelata anche severa e tecnocratica”, ha spiegato Cotta.

Dopo un decennio di turbolenze, la promessa di Meloni di restituire il potere al popolo italiano ha risuonato di elettori stanchi di rimescolamenti di coalizioni e di gabinetti di crisi guidati da tecnocrati non eletti. Alle manifestazioni elettorali su e giù per il Paese, gli elettori che un tempo sostenevano Berlusconi e Salvini hanno evidenziato la sua “coerenza” e “fermezza” nel rifiutarsi di entrare in “alleanze innaturali” con la sinistra.

Meloni ora dovrà dimostrare di poter scendere a compromessi con i suoi fastidiosi partner a destra, ma lo farà da una posizione di grande forza, ha detto Cotta.

“Il nuovo equilibrio di potere è sorprendentemente chiaro”, ha spiegato. “I partner di Meloni una volta dominanti possono leccarsi le ferite dopo essere diventati partner junior, ma non hanno altro posto dove andare. La loro unica strada verso il governo è dietro Meloni”.

La decadente cultura antifascista italiana

L’unica esperienza di gabinetto di Meloni finora risale a 14 anni fa, quando Berlusconi l’ha strappata dall’anonimato e le ha consegnato il portafoglio giovanile nell’ultimo dei suoi quattro governi.

Attivista di estrema destra dall’età di 15 anni, Meloni ha fondato il suo partito nel 2012 con altri ex membri del Movimento Sociale Italiano (MSI), un gruppo neofascista fondato dopo la guerra dai sostenitori del dittatore fascista Benito Mussolini. Ha chiamato il suo partito dopo i versi di apertura dell’inno nazionale italiano, Fratelli d’Italia.


© Francia 24

Da allora, è riuscita gradualmente a portare Brothers of Italy nel mainstream, senza mai ripudiare completamente le sue radici post-fasciste. In particolare, ha rifiutato le richieste di rimuovere dal logo del suo partito una fiamma tricolore che era un’icona dell’MSI.

Meloni, che è stata cresciuta da una madre single in un quartiere operaio di Roma, ha coltivato un personaggio duro e schietto. Si descrive come conservatrice, anche se gran parte della stampa straniera la definisce di estrema destra. Sostiene il patriottismo e i valori tradizionali della famiglia, mentre critica la correttezza politica e le élite globali. In un infuocato discorso a sostegno del partito spagnolo di estrema destra Vox a giugno, ha inveito contro la “violenza islamica”, l’”ideologia di genere” e la “lobby LGBT”.

>> Diritti delle donne negati: l’aborto in gioco come potere degli occhi di estrema destra dell’Italia

La 45enne leader di estrema destra ha notevolmente ammorbidito il suo tono durante la campagna elettorale, minando i tentativi dei suoi oppositori di dipingerla come una minaccia per la democrazia, lo stato di diritto e la posizione dell’Italia in Europa.

Alla fine di agosto, ha registrato un videomessaggio in tre lingue per rassicurare i partner italiani sul fatto che si sarebbe attenuta alle tradizionali alleanze di Roma, inclusa la NATO. Ha anche respinto come “sciocchezze” le affermazioni che avrebbe guidato un governo autoritario come il suo alleato ungherese Victor Orban.

“La destra italiana ha consegnato il fascismo alla storia ormai da decenni, condannando inequivocabilmente la soppressione della democrazia e le vergognose leggi antiebraiche”, ha affermato nel messaggio inviato ai media stranieri in inglese, francese e spagnolo.

Ai comizi elettorali, però, ha anche coltivato l’ambiguità che ancora definisce il suo partito revanscista, giurando di vendicare coloro «che da molti anni hanno dovuto abbassare la testa, facendo finta di avere idee diverse per non essere emarginati».

Con la crescita della Meloni nei sondaggi, i suoi oppositori di sinistra si sono dimostrati incapaci di unirsi anche di fronte alla prospettiva del governo più di destra dopo Mussolini. A differenza della Francia, dove gli elettori si sono ripetutamente uniti per mantenere l’estrema destra fuori dal potere, in Italia nessun fronte si è materializzato, in parte perché pochi italiani etichettano Meloni come “estrema destra”.

In tal senso, l’elezione di domenica ha segnato il venir meno della “cultura fondante dell’antifascismo” che è stata alla base della Repubblica italiana sin dagli anni del dopoguerra, La RepubblicaL’ex caporedattore Ezio Mauro ha scritto lunedì.

“Con questo voto un Paese indifferente sembra aver amnistiato l’eredità del fascismo”, ha detto Mauro, indicando il “deposito di memorie e simboli” che Fratelli d’Italia ha “tenuto vivo come un paesaggio sentimentale di riferimento”.

Source link

Gruppo Successo

Learn More →