MASINA: “IL GRUPPO E’ LA NOSTRA FORZA” | Notizia

Serie A TIM

Adam Masina ora è fermo per un brutto infortunio al ginocchio, ma non si lascia scoraggiare. Ospiti della trasmissione “Udinese Tonight”, il laterale ha parlato di questi primi mesi in Friuli.


“Siamo su un buon cammino per il rientro”, sono le prime parole di Masina. L’Udinese è terza a quota 16 punti, uno solo sotto alla coppia Atalanta-Napoli. Un avvio strepitoso. “Speravo che possa succedere – racconta il jolly difensivo – Io e la mia famiglia siamo partiti da Londra sperando di fare bene al ritorno in Italia. Conoscevo molti giocatori della squadra, altri li ho conosciuti in fretta. Il gruppo è la nostra forza. Non mi aspettavo un inizio così, ma ci speravo”.


Una mentalità su cui il mister, Andrea Sottil, “ha lavorato tanto da inizio stagione, instillandoci il pensiero di potercela giocare con tutti. Quando un allenatore non parte ti fa aumentare la fiducia. Si vede quanto Sottil tenga alla squadra ea ogni singolo giocatore. Per me è la base su cui partire”, dado il bianconero. Ma questo non sempre basta. Ci sono poi aggiusta glimenti, le “invenzioni, come Pereyra ibrido, che fanno sì che si crei questa classifica. Non vuol dire che abbiamo raggiunto qualcosa, il campionato è lungo, ma siamo lì. La posizione che raggiungi a fine anno è quella che meriti”.


Mentre scorrono i video delle sue prime gare con la nuova maglia, Masina si concede un istante di emozione. “È quasi commovente vedere le mie immagini in partita. Ero molto contento del mio inizio di stagione, ma – aggiunge, riferendosi all’infortunio al ginocchio – so e accetto che nel calcio queste cose possono succedere. Ora mi concentro sulla fisioterapia per tornare presto e al meglio. Ci sarebbe già un’idea per il rientro, ma stiamo lavorando giorno dopo giorno. Non vogliamo forzarci né porci dei limiti”.


La rottura del crociato distrutto gli farà saltare il Mondiale con il Marocco. Un fulmine a ciel sereno, a meno di tre mesi dal torneo. Tanto che Masina ammette che “le due settimane post infortunio sono state molto durevoli. La speranza è l’ultima a morire, ma quando mi hanno comunicato l’esito della risonanza ho capito che non c’era più niente da fare. Purtroppo è andata così. fortunatamente – specifica il laterale – ho una famiglia accanto che mi ha dato uomo forte. Dopo qualche giorno sono riuscito a osare una svolta ai miei pensieri e ora sono concentrato sul rientro”.


Le prestazioni dell’Udinese possono solo far felici i tifosi. “Sentiamo entusiasmo. Purtroppo le partite le ho viste dalla tribuna, ma ho visto una curva che canta dall’inizio alla fine della partita. Ne sono rimasto stupito”, ammette. Un coro cui Masina ha potuto, sfortunatamente, prendere parte dopo la gara con la Fiorentina. È stato nel primo tempo del match contro la Viola che il ginocchio ha ceduto. “Ho pensato di primo acchitto alla partita contro la Fiorentina. Spesso quando si arriva a un certo livello di maturità si pensa giorno dopo giorno. Mi sono detto ‘ok, ho finito la partita’ –racconta il difensore – Nello spogliatoio il dottore mi ha detto di non pensarci fino alla risonanza, poi è arrivata la botta quando mi hanno comunicato i tempi di recupero. La mia testa era focalizzata sulla Fiorentina, non pensavo al dopo. Prima del risultato della risonanza speravo di stare in campo dopo due mesi. Anche se sapevo che era brutta”.


Adesso il bianconero si concede delle camminate a Udine. “Passeggio molto, anche per rientrare meglio!”, dice sorridendo. In, un tifoso suggerisce per messaggio un soprannome per chiusura il giocatore: Animal Adam. “No, no – si scherma Masina, allargando il sorriso – sono un bravo ragazzo”.


(Foto LaPresse)


www.udinese.it

Source link

Gruppo Successo

Learn More →