MOURINHO: “GIOCHIAMO UNDICI CONTRO UNDICI, PIÙ I NOSTRI SESSANTAMILA” | Notizia

Serie A TIM

José Mourinho ha parlato nella conferenza stampa alla vigilia di Roma-Real Betis, giornata 3 di Europa League.


Ecco le parole del tecnico giallorosso.


Vieni a stare Dybala? E che difficoltà si aspetta?


“Dybala bene, gioca. La difficoltà sarà quello di giocare contro una squadra di qualità, con un’identità precisa, con una filosofia propria, guidata da un grande allenatore, di esperienza, una squadra che ha vinto in Spagna, ed è difficile se non sei tra le tre squadre top della Liga, giocatori con esperienza e tanti di loro nazionali. Partita difficile, ma partita difficile anche per loro”.


Undici contro undici, più sessantamila. E spero che i sessantamila facciano il loro. Anche perché al ritorno, nello stadio a Siviglia, i loro tifosi giocheranno tanto. È uno stadio fantastico nell’appoggio alla squadra. Mi fido dei miei undici, mi fido di chi sta in panchina con me, mi fido tanto dei sessantamila”.


In merito alla posizione di Zalewski: lo vede anche dietro le punte oltre che sulla fascia?


“Zalewski sa giocare in diverse posizioni. La formazione sua la conoscete meglio voi, ma si è trasformato in questo giocatore. È bravo in questa posizione, anche in nazionale gioca in questa posizione, ed è una nazionale di livello alto, lui si sente a suo agio e la squadra si sente a proprio agio con le sue caratteristiche.


È un giocatore molto importante per noi. Se gioca o non gioca dall’inizio, non cambia niente: è un giocatore molto importante per noi”.


Dovesse vincere domani, per lei sarebbe la 107esima in Europa. E sarebbe l’allenatore ad aver vinto più partite nelle coppe europee. Questo per le rappresenta uno stimolo in più?


“Non è uno stimolo in più. Sono orgoglioso delle mie 106. Quando arriva la 107, se domani o alla prossima, non lo so, sempre orgoglioso della mia carriera. Queste sono cose per passare tempo quando finisco la carriera. Quando finirò, avrò tanto da pensare e da ricordare.


In questo momento mi interessa vincere la prossima. Sempre la prossima. La prossima è domani. Sarà difficile sicuramente. È una partita di livello alto, molto alto. Voglio vincere semplicemente perché abbiamo bisogno di punti. Ne abbiamo solo tre e non bastano”.


Una partita da vincere si può giocare anche con due centravanti insieme come Abraham e Belotti?


“I giocatori bravi possono giocare insieme, non è mai un problema. Spetta agli allenatori trovare il modo di farli giocare insieme. Per dare un esempio, all’inizio – per tanti di voi – principalmente per quei fenomeni che parlano alla radio e non vengono mai qui, quasi impossibile per loro che Zaniolo Dybala, Pellegrini, Abraham potrebbero giocare insieme.


Purtroppo, con un infortunio di qua e uno di là, lo abbiamo fatto poche volte. E quando lo abbiamo fatto, la cosa ha funzionato bene. Belotti e Tammy sono due giocatori bravi. Giocare insieme è una questione di noi allenatori trovare il modo, il momento di farlo, svilupparlo a poco a poco, ma sicuramente per una squadra giocare contro una buona Roma, perché servirà una buona Roma, con Tammy e Belotti insieme non è facile.


È un’opportunità? Ogni partita è un’opportunità. Io non voglio dire chi gioca domani, principalmente quando non ci sono dubbi per la squadra avversaria. In questo caso il Betis ha tantissime scelte che può fare. Veramente non lo so chi ci sarà di loro. E come il mio collega non dirà la formazione, io non voglio fare diversamente. Cosa ho detto: undici contro undici, più sessantamila”.


(Foto LaPresse)


www.asroma.com

Source link

Gruppo Successo

Learn More →