La Francia afferma che consentirà l’attracco della nave di salvataggio per migranti Ocean Viking, smentisce il rifiuto dell’Italia

Emesso il:

La Francia ha dichiarato giovedì che consentirà a una nave di soccorso che trasporta più di 200 migranti di attraccare sulla costa meridionale e sbarcare i suoi passeggeri, criticando aspramente l’Italia per non averli accolti.

Ministro degli Interni Gerald Darmanin ha affermato che l’Ocean Viking, i cui passeggeri includono 57 bambini, avrebbe avuto accesso al porto militare di Tolone dopo un approfondimento stallo con l’Italia sulla responsabilità di chi doveva accoglierli.

Visibilmente irritato dal rifiuto di Roma di accettare la nave, Darmanin ha definito la sua posizione “incomprensibile”.

La nave “si trova senza alcun dubbio nella zona di ricerca e soccorso italiana”, ha detto, aggiungendo che “era compito dell’Italia designare immediatamente un porto per accogliere questa nave”.

Le tensioni italo-francesi sono l’ultimo episodio di una situazione di stallo europea su dove sbarcare migranti raccolse dopo aver tentato di raggiungere l’Europa dal Nord Africa, con Roma sempre più frustrata nell’accogliere la maggior parte dei soccorsi.

Intervenendo dopo una riunione di gabinetto, Darmanin ha anche avvertito che “è ovvio che ci saranno gravissime conseguenze per le relazioni bilaterali” con l’Italia.

Egli ha detto Francia aveva già deciso di bloccare un piano per accogliere 3.500 migranti attualmente in Italia, parte di un accordo europeo di condivisione degli oneri, e ha esortato la Germania e le altre nazioni dell’UE a fare lo stesso.

Giovedì il ministro dell’Interno italiano Matteo Piantedosi ha condannato la risposta della Francia allo stallo definendola “totalmente incomprensibile”.

“La reazione che sta avendo la Francia alla richiesta di accogliere 234 migranti, mentre l’Italia ne ha accolti 90mila solo quest’anno, è del tutto incomprensibile di fronte alle continue richieste di solidarietà”, ha affermato in una nota.

Giovedì scorso, la Francia ha dichiarato che avrebbe sbarcato quattro dei 234 migranti a bordo dell’Ocean Viking in elicottero per motivi di salute.

La carità che gestisce la nave, SOS Méditerranéeaveva presentato la richiesta alle autorità francesi dopo il rifiuto dell’Italia di consentire l’accesso al porto la scorsa settimana, nonostante il peggioramento delle condizioni sanitarie a bordo.

Dopo l’annuncio di Darmanin, SOS Mediterranee ha affermato di sentirsi “sollievo contaminato dall’amarezza”.

Decisione “eccezionale”.

Un portavoce dell’ente di beneficenza ha detto in precedenza all’AFP che “uno dei pazienti è instabile e non reagisce più alle cure dal 27 ottobre”.

“Gli altri due sono rimasti feriti in Libia e, a causa di questa lunga attesa per le cure, rischiano di avere problemi di salute a lungo termine”, ha detto.

La Francia aveva insistito sul fatto che, ai sensi del diritto marittimo internazionale, Roma doveva garantire l’accesso all’Ocean Viking e ai 234 migranti in difficoltà che ha salvato, non da ultimo dopo aver concesso l’accesso questa settimana ad altre tre navi di soccorso che trasportavano centinaia di persone.

Darmanin ha affermato che la decisione di consentire alla nave di attraccare, dopo due settimane in mare, è stata “eccezionale” e non guiderà l’azione futura.

Ma l’arrivo di Giorgia Meloni come capo del governo di più destra d’Italia negli ultimi decenni potrebbe anche innescare una ripetizione delle lotte dei migranti europei di quattro anni fa, quando il presidente francese Emmanuel Macron in particolare si è scontrato con il ministro dell’Interno populista italiano Matteo Salvini.

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha dichiarato questa settimana che sta inviando un segnale alle nazioni dell’UE che devono svolgere un ruolo ancora più importante.

Roma vuole “un accordo per stabilire, sulla base della popolazione, come i migranti con diritto di asilo vengano ricollocati nei vari paesi”, ha detto Tajani prima di una riunione dei ministri dell’Ue la prossima settimana.

Volker Turk, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha anche sollecitato un rapido sbarco e ha avvertito che “la politica non va perseguita a spese delle persone in difficoltà”.

Secondo il diritto internazionale, alle navi in ​​pericolo o che trasportano passeggeri soccorsi deve essere consentito l’ingresso nel porto di scalo più vicino, il che significa che l’Italia e spesso Malta si assumono l’onere di accogliere coloro che sono stati soccorsi dopo aver tentato di attraversare il Mediterraneo dalla Libia.

A giugno, una dozzina di paesi dell’UE, compresa la Francia, hanno accettato di accogliere i migranti che arrivano in Italia e in altri principali punti di ingresso.

Finora quest’anno, 164 richiedenti asilo sono stati trasferiti dall’Italia ad altre nazioni del blocco che si sono offerte volontariamente per accettarli.

Ma questa è una piccola frazione degli oltre 88.000 che hanno raggiunto le sue coste quest’anno, di cui solo il 14% è arrivato dopo essere stato salvato da navi di ONG, secondo le autorità italiane.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, quest’anno 1.891 migranti sono morti o sono scomparsi mentre tentavano di attraversare il Mediterraneo.

(FRANCIA 24 con AFP)

Source link

Gruppo Successo

Learn More →